top of page
Rechercher
  • jmenica

Il viaggio, l'animale che ti grida dentro

Dernière mise à jour : 15 avr.

Abbiamo tutti quella voglia matta di lasciare tutto e partire per l'ignoto. Fare un pò l'Indiana Jones della situazione. O tipo Into the Wilde.

Certi lo fanno perché hanno voglia di visitare posti lontani e diversi, per staccare dalla routine per un pò e basta. Altri lo fanno perché é una necessità. E che mandano un pò a quel paese chi pensa che per cambiare non c'è bisogno di andare lontano, che per trovare se stessi si può restare anche in un dieci metri quadri al sesto piano senza ascensore e con un lavoro che va e che viene.

Io parlo a chi sente che il viaggio é un'animale che ti grida dentro.

Sono appena all'inizio di questa avventura e tra mille preoccupazioni e ansie varie, sto dando ragione a quella bestia dentro di me. Un pò alla volta, si, perché va anche addomesticata, ma principalmente perché ho ancora paura.

Liberarla vorrebbe dire vivere totalmente a modo mio, e anche se sembra che lo stia facendo per chi mi guarda da fuori, io dentro sto cercando solo di prepararmi.

Il viaggio, il mio viaggio. E magari anche il tuo, tu che mi leggi, magari con le mie avventure, con le mie esperienze, con i miei pensieri, riuscirò a farti ascoltare la tua bestia.


A me ci sono voluti ben 38 anni per fare questo passo. Non é ovviamente una questione di età, anche se forse un pochino si. Perché certo, certe attività sono più fisicamente accessibili in un'età più che un'altra, però non ti devi preoccupare e soprattutto dirti che é troppo tardi. Ecco, per favore, mettiamoci d'accordo subito, la frase "per me é troppo tardi" possiamo anche dire che l'aboliamo subito. Quella voce li, é solo la voce dell'ego, della paura, e di alcuni preconcetti che ti sei fatto per sentirti meglio, ma mandiamola a cagare, ok?


Io ho sempre avuto la sensazione di non essere al mio posto, un pò per la mia storia personale, un pò per una forza che mi ha sempre spinto a evitare la routine. Una forza che viene da un altro posto che non é in me. Qualcosa che mi guida da sù, forse. Si, non nascondo il fatto che ho paura di fermarmi, che se lo faccio non sono vivo.


Forse mi capisci un pò, per me l'esperienza é la mia droga.


Dio, quante cose da dire! Vorrei condividere cosi tanto che non so da dove iniziare. Allora, visto che questo é un blog, le scriverò cosi come vengono. Un pò alla volta. Le domande tipo: Cosa mi son lasciato dietro? Perché? Chi sono? Dove vado? Perché vado li e non altrove? Come mi organizzo? Chi incontro? E mille altre...

Iniziamo dal più semplice: mi chiamo Jacopo e non Jake, quello é il mio nome d'attore. Ho 38 anni, 39 a novembre. E sto ascoltando il grido dell'animale che é in me. E non vedo l'ora di liberarlo del tutto. E lo dico cosi, non siamo fatti per vivere in uno zoo.


Per chi conosce l'Era Glaciale saprà chi é il personaggio di Buck. Beh penso che sia lui l'animale dentro di me. Un pò pazzo, che ama l'avventura, e che é libero. A presto amici.







95 vues1 commentaire

Posts récents

Voir tout

1 Comment


Guest
Aug 20, 2023

Vaiiiiiiiii Japa :-)

Like
bottom of page