top of page
Rechercher
  • jmenica

KOMODO DRAGON

Bestie immense. In via d'estinsione, poverine.

Per farvi capire quanto immense sono si parla di un minimo di 3 metri di lunghezza per quelle piccole (adulti). Menomale mangiano una volta al mese. Quando lo fanno peró ingoiano 45 kg di carne. In pratica un bel cerbiattone. Si, perché quelle bestioline sono carnivore. Belline.

Quando le vedi dal vivo sull'isola di Komodo in Indonesia, i rangers ti fanno stare a 4/5 metri di distanza. Perché? perché anche se sembrano moscie come una vecchietta al supermercato, ti possono fare uno scatto di 20 km/h e... ciao Jacopo. Ti mordono e iniettano un misto letale di batteri e veleno, e poi hai 7/8 ore di tempo per farti curare.

Ovviamente non ci sono cliniche ne ospedali sull'isola, é un parco naturale tutto per quelle bestie, 1500 per l'esattezza. E oltre a loro ci sono anche i cobra e vipere.

Mai farò il ranger li. Mai.

Quindi per salvarti, se ti mordono, i ranger ti fanno una punturina antibatterica che vale come le mille lire di monopoly e devi prendere di corsa la barca per andare all'ospedale più vicino. Che dista a 5/6 ore da li. Se per caso qualcosa va storto in mare, puoi iniziare a chiamare i familiari e salutare tutti.

Quindi con tanto rispetto stavo lontano. Nella foto mi potete vedere falsamente rilassato.






Qui la bestia fa finta di dormire. Una loro tecnica di attacco. Furbettina.

Ah per poco mi dimenticavo, sanno nuotare. E a volte si spostano da isola a isola.


Vale comunque la pena andarli a vedere. Da lontano.


Allora come ci sono arrivato su quell'isola? Aereo da Bali per Labuan Bajo (1 ora di volo) e poi barca.

A Labuan Bajo c'é l'imbarazzo della scelta per le diverse escursioni. 2 giorni, 3 e anche 4. Te le tirano addosso.

Io e la mia amica abbiamo scelto 2 giorni e una notte. Pagato totale di 2250000 rupie indonesiane, circa 140 euro. Tutto incluso: camera privata, colazione, pranzo e cena per due giorni e visite a Kelor Island, Mangroove Island, Pink Beach, Padar Island, un sacco di snorkeling, dove nuoti con Manta giganti e tartarughe e Nemo. Poi vedi i milioni di pipistrelli prendere il volo da un isolotto minuscolo di nome Kalong per andare sulle altre isole a cercare cibo. Menomale si nutrono solo di frutta. Oioi.

Labuan Bajo é carina, ma ci sono più moschee li che in tutta l'Arabia Saudita. e oltre le 5 preghiere obbligatorie giornaliere, gli altoparlanti giganti invitano alla preghiera molto spesso. A quanto pare é l'unica parte musulmana dell'isola di Flores. Il resto son cattolici. interessante, visto che la maggioranza dell'Indonesia é musulmana a l'eccezione di Bali dove l'Induismo e il buddismo vanno alla grande. Di Bali vi racconterò poi.


Il tour inizia alle 9 di mattina, ti portano al porto, ti fanno salire su una barchettina e ti portano sulla barca che sarà casa tua per due giorni. Onestamente ho avuto fortuna, perché la nostra barca era tenuta bene rispetto ad altre che vedi al porto. Eccola qui.




La crew della barca era composta da 4 marinai più il capitano che più lo guardavo più mi ricordava un pirata somalo da quanto era secco, scuro e la faccia tipica di chi sta parecchio in mare. Oltre a me e alla mia amica c'erano altre tre turisti olandesi e la loro guida balinese personale che parlava un olandese perfetto. Beh, per chi non lo sa, l'indonesia é stata una colonia olandese fino al 1949. Fatto curioso: la bandiera Indonesiana é fatta da due striscie, una rossa (sopra) e bianca (sotto) perché durante la ribellione e la dichiarazione d'indipendenza hanno cancellato la striscia blu dalla bandiera olandese.

Mi piace come atto simbolico. Però quando la guardo non posso fare a meno di pensare che potevano far di meglio. Sembra una bandiera da gare automobilistiche.


I turisti erano una strana coppia sui 50 anni composta da un tizio poco simpatico mentre la moglie gentile che cercava di fare un minimo di conversazione. Erano accompagnati da una loro amica. In Italia si direbbe il terzo incomodo, (in livornese si dice "a regge il moccolo") ma sono cose che vedi spesso fare da culture diverse dalla nostra. Noi non si fa. Comunque stavano principalmente fra di loro e non erano tanto socievoli, e dopo diversi tentativi di conversazione abbiamo smesso di parlare con loro. Il simpaticone mangiava i gamberetti dal piatto principale, li scorticava con le sue belle dita unte e rimetteva i resti maciullati nel piatto centrale. Lo volevo strozzare. Ero li a spostare continuamente i gamberetti buoni dal suo macello.

In quel momento, nella mia testa potevate assistire ad uno spettacolo pirotecnico di smadonnate molto originali.

Le due volte che abbiamo avuto il dessert di banane fritte (pisang goren ) con nutella, dovevi correre per non fartele finire tutte da quei tre con quei bei pancioni. Mi ricordo che stavo ammirando la natura e quando mi son rigirato ne rimanevano 4. E ovviamente simpatici com'erano non gliene importava nulla di noi.

Detto questo mi sono sbarazzato dell'unica parte un po negativa del tour. Ma sembra più negativa a leggere che in realtà. Il paesaggio é cosi mozzafiato che manco ci pensavo a loro.


Il primo giorno il capitano ci avverte che avremmo fatto il tour al contrario per evitare una bella tempesta. Mossa intelligente perché non so mica se la barca avrebbe retto.

Vabbé, ora non sto a raccontare dettaglio per dettaglio i nostri spostamenti, ma vi posso dire che ne vale veramente la pena.

Nemo per esempio a parte nei film o documentari, io non l'avevo mai visto e poter osservare quel mini pesce in una barriera corallina é troppo forte. Usciva per guardarmi e poi rientrava velocemente in retromarcia del tipo: Oh ciccio, questa é casa mia, te ne vai?

Aveva la sua guardia del corpo pure. Un pesciolone nero che scattava in avanti verso di me con aria minacciosa. E non solo... si divertiva a darmi piccoli morsi appena mi giravo.

Cosi me ne sono andato. Ce li vedo loro la sera a cena fra amici a raccontare: "e poi gli ho dato un morso al polpaccio e quel grosso grasso umano ha avuto paura" e gli altri " wow bravo Rud, sei un grande" e applausi con le loro pinnette.


Abbiamo nuotato anche con i Manta giganti. Sono delle belle bestione anche loro. Sono abbastanza impressionanti da vedere. Più o meno grandi quanto le mie braccia allargate e color quasi nero.

Quando li vedi nuotare sembra di vedere un'ombra muoversi nel fondo. Bellissimi. Poi siccome era anche pieno di medusine noiosissime che si divertivano a bruciarti, siam tornati a bordo. Ho provato a prendere foto subacque ma non funzionava bene sfortunatamente. La mia gopro si é rotta qualche giorno prima di partire.

Ecco qua:



La sera dopo cena ci siamo messi sul ponte di coperta e mentre la mia amica si dilettava a far yoga io me ne stavo a guardare le stelle. Che bellezza. Per chi é un pò marinaio sa che guardare il cielo stellato su una barca é un'esperienza unica. Il tempo si ferma, il mare ti coccola, la brezza ti sussurra che tutto va bene ed le stelle ti guidano in un mondo fatto di ricordi nostalgici e desideri magici.

Avrei voluto che il tempo si fermasse un pò, giusto per qualche giorno, per poter assaporare al massimo quel momento.

Ma come tutte le cose belle, spesso passano velocemente e puoi solo tenerti il ricordo ben saldo.

Il mare ragazzi é spettacolare. Noi livornesi siamo gente di mare, ma ci son stato fin troppo poco, cosi mi son fatto la promessa che ci tornerò. Magari non nel pacifico... é impressionante e mi spaventa un pó.


Il giorno dopo altre visite tra cui trekking su un'isola per vedere l'alba (vedi foto di come sono molto sveglio), poi i dragoni di Komodo, una delle spiaggie rosa (il corallo rosso mescolato alla sabbia bianca da quest'effetto), e i milioni di pipistrelli.





Ricordo bene il ritorno a Labuan Bajo. Le due ore dall'isola di mangrovie Kalong fino al porto principale le abbiamo passate con i due giovani marinai che seduti a prua si divertivano a fare karaoke con le loro canzoni indonesiane preferite. Non ci capivo niente ma provavo a cantare anch'io e posso dire che il risultato era esilarante per tutti. Quei ragazzi di ventanni saranno per sempre un bellissimo ricordo.


Quest'avventura, un pò pirata un pò Peter Pan un pò turista, é fra le mie preferite di questo mio lungo viaggio. Oggi che scrivo questo post sto entrando nel settimo mese da quando ho lasciato l'Italia.


A presto pirati.
















25 vues0 commentaire

Posts récents

Voir tout
bottom of page